Posso dormire da voi?” (“J’irai dormir chez vous” in lingua originale) è una serie di brevi documentari, davvero simpatici, realizzati da un reporter francese decisamente fuori dall’ordinario, Antoine de Maximy, che viaggia per il mondo facendosi ospitare dalle persone locali. In italia è stato trasmesso dalla Rai e dal canale la Effe, ma le puntate si trovano anche su Youtube, e per chi conosce sia l’inglese che il francese, guardarle con l’audio originale è un ottimo esercizio linguistico che vi consiglio. Domenica ho guardato la puntata sulla Tailandia e mi ha particolarmente colpita lo spirito delle persone, che sembrano avere così poco ai nostri occhi, eppure sono pronte ad ospitare un perfetto sconosciuto e a trattarlo al meglio delle proprie possibilità con il sorriso sulle labbra.

Si dice che la Tailandia sia il paese del sorriso così, dal momento che pare che resteremo a casa ancora per qualche settimana, ho deciso di suggerirvi qualche ricetta che vi faccia viaggiare con la mente in un posto pieno di sorrisi, e data la mia passione per le cucine asiatiche inizio da qui. Per i viaggiatori e per chi ha voglia di esplorare o di tornare con la memoria a vecchi ricordi di viaggio, potrebbe essere gradevole sperimentare in cucina qualche sapore esotico, differente. Così oggi ho scelto uno dei miei piatti preferiti: il Pad Thai!

Non sono mai stata in Tailandia, ma a riprova di quanto i libri possano far viaggiare con la mente, sono stata incuriosita da questo piatto dopo aver letto “Le coordinate della felicità”, e devo dire che una volta assaggiato non ne ho più fatto a meno.

Il Pad Thai è un piatto tailandese a base di noodles di riso saltati, è veloce e coloratissimo, e lo potrete arricchire anche con gamberi o pollo. Io vi darò la ricetta vegetariana con qualche variante casalinga, quella che uso frequentemente. Prodotti come i noodles, o la salsa Thai, non saranno semplici da reperire in questo momento, ma qualche prodotto lo potreste trovare anche on line. In alternativa i discount tedeschi ed un noto supermercato italiano che ha una lettera “lunga” all’interno del suo nome spesso hanno articoli per la cucina orientale.

Ingredienti:

  • Noodles di riso, tipo tagliolini
  • Salsa Pad Thai o Tamarindo (la trovate on line o come sopra)
  • Germogli di soia
  • Cipollotti
  • Uno spicchio di aglio intero
  • Tofu o Tempeh (io preferisco il secondo)
  • Salsa di soia
  • Zucchine
  • Carote
  • Arachidi o anacardi per chi è allergico
  • Uova
  • Lime o limone
  1. Fate bollire l’acqua senza salarla, e poi buttate i tagliolini di riso a fuoco spento per i minuti indicati sulla confezione, avendo cura però di tenerli ben al dente.
  2. Nel frattempo in una padella grande o wok tagliate il cipollotto e fate rosolare l’aglio, poi inserite in questo ordine: il tofu tagliato a rettagoli, le carote tagliate alla julienne ed infine le zucchine, anch’esse alla julienne.
  3. Strapazzate qualche uovo a piacere ed inseritelo nel wok.
  4. A questo punto i tagliolini di riso saranno pronti, scolateli e fateli saltare nel wok insieme alla salsa tamarindo e ad uno o più cucchiai di salsa di soia a piacere (attenzione che non diventi troppo salato).
  5. Tagliate i gambi verdi dei cipollotti a striscioline di circa 3-4 cm e a piccole rondelle e fateli saltare insieme al resto nel wok.
  6. Aggiungete i germogli di soia e le arachidi tritate come nella foto.
  7. Una spruzzata di lime o limone, ed è pronto!
  8. Aggiungete pollo o gamberi precedentemente fatti saltare se avete deciso di provare la ricetta non vegetariana.

Potete anche farlo senza carote e zucchine ma questa è la versione che preferisco. Cliccate sulla foto qui sotto con il tutorial per un ulteriore supporto visivo:

A me fa sempre tornare il sorriso cucinare questo piatto, bon appétit!

La riproduzione del testo, anche parziale, è vietata salvo consenso scritto.