Giovedì 10 Marzo alle 21.00 sarò in diretta Facebook con il consigliere comunale reggiano Dario De Lucia per spiegare e raccontare il testo della proposta di legge per aiutare le donne affette da endometriosi.

Un’ iniziativa inedita che mi vede redattrice di una proposta che ha come obiettivo il riconoscimento sostanziale della malattia. È una petizione popolare, un’iniziativa “dal basso” che nasce appunto dalla volontà dei cittadini.

Il 12 Marzo a Reggio Emilia prende il via la campagna di raccolta firme a favore di tutte le persone con endometriosi!

È la prima petizione in Italia per richiedere misure di tutela per le persone affette da endometriosi, una malattia cronica che colpisce 3.000.000 di donne italiane in età riproduttiva, e che ha la capacità di impattare in modo negativo sulla vita delle giovani in termini di qualità di vita personale e lavorativa, rischio di ospedalizzazione, danni permanenti, e di infertilità.

L’endometriosi rappresenta la prima causa di dolore pelvico cronico in donne in età fertile, eppure oggi le pazienti che ne sono affette non hanno tutele sul posto di lavoro né un’ esenzione ticket per i costi di terapie e visite. Una condizione inasprita dalla pandemia, che ha visto 1 donna su 2 peggiorare la propria situazione economica, riducendo così la propria capacità di cura e di spesa per la cura.

Vi aspettiamo Giovedì 10 marzo alle 21.00!

Per seguire la diretta:

https://www.facebook.com/dariodeluciareggioemilia
https://www.twitch.tv/deluciadario

Dalla pagina del consigliere Dario De Lucia

📍 Reggio Emilia: 12-19-26 marzo

  • Sabato 12 e 26 Marzo a Reggio Emilia
    • in Piazza Fontanesi dalle 9.00 alle 13.00
    • in Piazza del Monte dalle 16.00 alle 19.00
  • Sabato 19 Marzo 9.00-13.00 / 16.30-19.00 a Roncocesi -RE (zona Conad)

Chi può firmare? 

Per il Comune di Reggio Emilia possono firmare solo i cittadini maggiorenni residenti all’interno del comune.

Mentre per la mia proposta di Legge Regionale possono firmare anche tutti i cittadini maggiorenni residenti in Emilia Romagna.